Figure retoriche in inglese

Quante volte ci è capitato di pensare tramite immagini e associare dei significati, per mezzo di analogie e paragoni? Questo è un meccanismo tipico della nostra mente. Come nella lingua italiana, esistono molte figure retoriche in inglese. Con “figura retorica” intendiamo una formula letteraria che ha come scopo fondamentale la creazione di un effetto all’interno di una frase, sia di significato che sonoro. Spesso viene utilizzata, in quanto mezzo stilistico, per rendere un discorso, un saggio o un’opera scientifica vivace e interessante da consultare. Talvolta aiuta a mantenere alta l’attenzione dei lettori.
La lingua inglese è ricca di figure retoriche adottate per ottenere degli effetti speciali. Il linguaggio simbolico, in cui vengono utilizzate le figure retoriche in inglese, è spesso connesso ai romanzi, alla letteratura, ma soprattutto alle poesie. Tuttavia, noi adottiamo le figure retoriche nelle nostre conversazioni quotidiane o nei testi, senza farci caso.
Per aumentare le tue competenze linguistiche, mostriamo di seguito le tipologie di figure retoriche più comuni nella lingua inglese.

Figure retoriche in inglese: quali sono le principali?

Allitterazione – Alliteration
Si tratta di una figura retorica molto frequente nella poesia: è una ripetizione che produce suoni o lettere simili all’inizio delle parole di una frase. Due parole che si susseguono iniziano con la stessa consonante o lo stesso suono. È utile poiché lo stesso suono permette al lettore di memorizzare la frase. L’allitterazione determina la melodia e l’intonazione della frase. Ad esempio:
Peter picked a peck of pickled peppers”.

Non importa qual è la consonante che forma il suono, l’importante è che il suono sia uguale:
“A philosopher from Finland”
Al contrario, se la lettera iniziale è la stessa ma la pronuncia è differente, non è considerata allitterazione:
Cutting chillis”

Assonanza – Assonance
Tra le figure retoriche in inglese, questa è molto simile all’allitterazione. Anche in questo caso si tratta di una ripetizione di suoni, ma nello specifico delle vocali. L’assonanza è quella formula che crea un’armonia all’interno delle frasi, tramite la ripetizione delle medesime vocali. Proprio grazie a questo potere, non viene utilizzata spesso nella prosa, ma maggiormente nella poesia. Inoltre, è presente anche in molti testi musicali. Vediamo due esempi: la prima frase è del poeta E.E. Cumming, la seconda è tratta da un testo del rapper Eminem.
“On a proud round cloud in white high night”
“F
ire at the private eye hired to pry in my business”

Anafora – Anaphora
Per creare effetti linguistici differenti, tra le figure retoriche in inglese si possono ripetere anche intere parole, non solamente lettere e suoni. L’anafora è proprio la ripetizione deliberata di una o più parole o espressioni all’inizio di frasi che si susseguono. Lo scopo è attirare l’attenzione sul concetto chiave del discorso. Ne è un esempio concreto un discorso molto famoso di Winston Churchill:
We shall fight on the beaches, we shall fight on the landing grounds, we shall fight in the fields and in the streets, we shall fight in the hills”

Antitesi – Antithesis
Antitesi significa letteralmente “posizionarsi all’opposto”: è l’accostamento di due parole o frasi di senso contrario, contraddittorio o inverso. Viene utilizzata tra le figure retoriche in inglese per mettere in rilievo concetti contrapposti. Talvolta, la struttura della frase o del discorso resta invariata, in modo da sottolineare ulteriormente il contrasto e l’antitesi. Prendiamo in esempio due famose citazioni:
To err is human; to forgive divine”
One small step for a man, one giant leap for mandkind”

Iperbole – Hyperbole
È la figura retorica utilizzata per esagerare nel descrivere situazioni della realtà: adotta delle espressioni che aiutano ad amplificare la circostanza, sia per eccesso che per difetto. Quando viene adottata nella maniera adeguata, è molto utile per attribuire un’importanza speciale a un concetto e attirare l’attenzione su quell’immagine specifica. Ad esempio:
“I have told you a thousand times
“I could hear you from a mile away


Ripetizione – Repetition
Nella lista delle figure retoriche più comuni troviamo anche la ripetizione: consiste in una successione di espressioni uguali o molto similari. Questa figura è molto utilizzata nella poesia, così come le altre forme retoriche in inglese legate alla ripetizione e alle rime.
La ripetizione di parole simili o uguali ha lo scopo di premere su un concetto specifico. Un esempio è offerto da una poesia di R. L. Stevenson:

“The rain is falling all around,

It falls on field and tree,

It rains on the umbrellas here,

And on the ships at sea.”

Abbiamo visto alcune tra le figure retoriche in inglese più adottate: diversamente dal pensiero comune, le figure retoriche non sono delle soluzioni linguistiche a uso esclusivo dei poeti. La maggior parte di queste sono utilizzate quotidianamente nella vita di ognuno di noi, sia nel linguaggio scritto che nel linguaggio parlato. Il ricorso a queste espressioni avviene in maniera del tutto naturale e involontaria. Tuttavia, il loro ruolo all’interno di romanzi, poesie, opere o semplici racconti è una risorsa espressiva di fondamentale importanza e non viene utilizzata a caso. Da qui nasce la necessità di analizzarle in maniera approfondita: è opportuno conoscerle e saperle utilizzare anche nella lingua inglese per arricchire il proprio modo di esprimersi. Ti è venuta voglia di approfondire la tua conoscenza della lingua inglese? Visita il nostro sito e scopri i nostri corsi di inglese online: https://lamiascuoladiinglese.com/

Vuoi scoprire il tuo livello di inglese?

Puoi eseguire gratuitamente il nostro test!

VAI AL TEST